Vítor Oliveira, il Re delle promozioni

Per passare alla storia come allenatori non servono necessariamente Panchine d’oro, bel gioco, schemi rivoluzionari, citazioni a effetto o sigarette. Nemmeno grandi procuratori o stampa favorevole. Bastano fatica, sudore e un po’ di sano pragmatismo.

È così che è andata per Vítor Oliveira, 64 anni, pelato, baffi d’altri tempi, fisico ben lontano dal definirsi atletico e tutone d’ordinanza, ma con 10 promozioni dalla seconda alla prima divisione portoghese all’attivo (cinque consecutive in altrettanti campionati disputati).

Raggiunta la decima promozione nella primavera 2017, anche i media internazionali si erano interessati alla sua storia. Una carriera umile, che non ha mai lontanamente sfiorato le tre big del calcio portoghese: Benfica, Sporting e Porto, ma che ha regalato non poche soddisfazioni nel resto della nazione, allenando diciassette squadre diverse. Un’avventura professionale vissuta tenendo un basso profilo, ai margini dei grandi palcoscenici, entrata comunque negli annali.
 

Vítor Oliveira: la prima promozione e le tre consecutive

 

Il primo club di Vítor Oliveira, subito dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, è la Portimonense nel 1985, ma per arrivare alla prima promozione in massima serie c’è da aspettare la stagione 1990/1991 con il Paços de Ferreira, a cui seguiranno Academica, Uniao de Leiria e Belenenses (tre consecutive dal 1996 al 1998).
 

Gli anni 2000 e la prima retrocessione

 

Vítor Oliveira, il Re delle promozioni O Rei das subidas
 

Negli anni successivi si specializza anche in salvezze, togliendosi comunque lo sfizio di sfiorare qualche altra promozione e di ottenerla con il Leixoes, la squadra con cui ha iniziato la sua carriera da calciatore, nella stagione 2006/2007.
L’anno successivo subentra a novembre sulla panchina dell’Uniao de Leiria, in prima divisione ma in una brutta posizione di classifica, e non riesce a risollevare la squadra. È la prima retrocessione per Vítor Oliveira, un’onta difficile da cancellare, tanto che la stagione seguente decide di abbandonare la carriera di allenatore, accettando un incarico come direttore sportivo del Leixoes.
 

“O Rei das subidas”: Le cinque promozioni consecutive

 

Vítor Oliveira, il Re delle promozioni O Rei das subidas
 

Il richiamo del campo, però, è troppo forte e nel 2009 Vítor Oliveira torna ad allenare, sempre in seconda divisione. Con Trofense e Aves la festa viene rimandata, nonostante due buoni campionati, è con l’Arouca nel 2012 che arriva nuovamente la promozione, a cui seguiranno consecutivamente quelle con Moreirense, Uniao da Maldeira, Chaves e Portimonense nella stagione 2016/2017. La decima promozione in massima serie portoghese con la squadra con cui ha chiuso la carriera da giocatore e con la quale ha iniziato quella da tecnico, sembra la chiusura di un cerchio. Vítor Oliveira giura di voler restare a Portimao anche la stagione seguente e lo fa, portando la squadra a una salvezza tranquilla. Ma le annate tranquille non fanno per Vítor Oliveira, che a maggio 2018 torna in seconda divisione per una nuova sfida: risalire con il Paços de Ferreira, la prima squadra con cui ha conquistato una promozione quasi trent’anni fa.

 
Che ci riesca o meno ha un’importanza relativa, se non terremo d’occhio su qualche app di livescore o su google come andrà il Paços de Ferreira durante l’anno forse tra qualche mese nemmeno ci ricorderemmo della nuova sfida di Vítor Oliveira. In ogni caso, sfruttando un po’ del suo pragmatismo, la storia è già stata scritta. Resta solo, eventualmente, da aggiornare il record.

 

FacebookTwitterGoogle+tumblrLinkedInPinterestStumbleUponDiggEmail
Commenti